BLOG

La banalità del male

"La banalità del male". Quando per la prima volta lessi questa definizione non mi resi conto di cosa davvero significasse. Sì, conoscevo il contesto, eppure mi sfuggiva il vero contenuto. Col tempo ho imparato a vedere, passo dopo passo, gli esempi intorno a me. Il ripugnante "gigante buono" che "fa una stupidata" (sic), le lacrime di coccodrillo di Misseri che ha commesso/coperto l'omicidio della nipote, lo spergiuro di una madre omicida, i vicini Rosa e Olindo che si sentono in dovere di rendersi giudici, giuria e carnefici di una famiglia perché rei di tollerare qualcuno (non presente) che odiano, le "ragazzate" (sic) di "bulli" pre-adolescenti che fanno scoppiare con un compressore l'int

Post Principali
Post Recenti
Archivio
Search By Tags
Seguimi su
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic

seguimi su

  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • c-youtube

© 2014 by Augusto Chiarle.